La fascite plantare.


Ho impiegato qualche secondo in più del solito a scrivere il titolo del post, perchè già solo pronuciare la parola fascite mette i brividi a ogni runner figuriamoci scriverla! La fascite infatti è un'infiammazione che colpisce la fascia plantare (ossia la struttura tendinea alla base del piede) determinando dolore a livello del calcagno oppure a livello mediopiede; l'infiammazione è dovuta a un' eccessiva stimolazione legata a stress ripetuti ( salti, balzi, etc) e ciò spiega come sia un infortunio molto diffuso nel mondo del running ma anche il tutte quelle attività che sottopongono il piede a impatti ripetuti e spesso violenti col terreno (rugby, calcio, basket) e non deve stupire il fatto che questa patologia affligga anche ballerini visto che nella danza spesso la parte anteriore del piede sorregge il peso di tutto il corpo.
Le cause di questo problema sono molteplici:
  • allenamento eccessivo (che sottopone la fascia plantare a stress eccessivo)
  • calzature inadeguate o scariche
  • iperpronazione
  • cambio della superficie su cui ci si allena
  • posture sbagliate
  • debolezza dei muscoli della gamba
Logicamente essere sovrappeso è un fattore di rischio importante perchè il piede deve reggere un carico extra. Per ridurre il rischio di andare incontro a tale patologia è fondamentale evitare carichi eccessivi, fare adeguati esercizi di stretching e curare la muscolatura del piede e della gamba (soprattutto il muscolo peroneo) e soprattutto richiede particolare attenzione la scelta della scarpa adeguata magari seguendo il consiglio di un professionista serio piuttosto che la moda del momento.

Il dolore in genere è massimo al mattino perchè la fascia plantare tende ad accorciarsi col riposo notturno e si riduce o scompare man mano che si allunga; stessa sintomatologia si ripete durante l'attività fisica infatti spesso il dolore si riduce dopo il riscaldamento ma ciò non deve trarre in inganno e nel caso in cui dubitiamo di essere affetti da questa patologia dobbiamo assolutamente riposare; proprio riposo, ghiaccio e esercizi di allungamento sono i nostri migliori alleati per sconfiggere questa patologia; allenarci magari imbottiti di farmaci che nascondono il dolore ma non curano completamente può portare a peggiorare la situazione. Nel caso però in cui dopo una fase di riposo (di almeno una decina di giorni) il problema non si attenuasse è consigliabile rivolgersi a un medico che può valutare l' impiego di una terapia antinfiammatoria, tutori, o addirittura stampelle nel caso in cui voglia evitare di farci scaricare il peso corporeo sul piede.
Noi runners abbiamo sempre fretta e vogliamo sempre correre però con la fascite è meglio avere pazienza; il tendine è una struttura poco vascolarizzata e quindi per la sua corretta guarigione occorre tempo, non bisogna perciò aspettarci guarigioni miracolose dopo una seduta di tekar ma bisogna ragionare nell'ordine dei mesi.
Le terapie sono molteplici e devono essere consigliate da un medico specialista le più utilizzate sono:
  • tecarterapia
  • laserterapia
  • fisioterapia
  • onde d'urto
Oltre a queste terapie possiamo anche agire facilitando l'allungamento del fascio con banali esercizi che si possono effettuare in casa magari usando una pallina da tennis o facendo stretching mirato o se proprio siamo dei perfezionisti utilizzando il kinesiotape.

Commenti